Nuovo Kadjar MY2019: tutto quello che devi sapere

Renault Kadjar si colloca tra i riferimenti del segmento dei SUV compatti. Con più di 450.000 unità vendute nel mondo dal 2015, ha conquistato una grande fetta di clienti grazie al design distintivo, alle doti dinamiche e al comfort. Può altresì contare sul know-how del partner Nissan in fatto di trasmissione integrale e performance 4×4.

Svelato al Mondial de l’automobile 2018, Nuovo Kadjar registra progressi in tutti i campi, e offrirà nuove motorizzazioni benzina e Diesel più performanti ed efficienti, per un maggiore piacere di guida.

Il design è più dinamico e sportivo. Conserva i codici tradizionali dei SUV, ma diventa più robusto e più statutario.

Infine, Nuovo Kadjar pone l’accento sul comfort, sulla qualità e sull’ergonomia, con un abitacolo rivisitato per risultare ancora più piacevole nell’uso quotidiano.

Disponibile agli ordini da oggi, Nuovo Kadjar sarà commercializzato in Europa e nel mondo da gennaio 2019.

«Lanciato nel 2015, Kadjar è una colonna portante della gamma Renault, un veicolo mondiale che ha già conquistato più di 450.000 clienti in oltre cinquanta paesi. Nuovo Kadjar consoliderà ulteriormente la sua posizione con un design più moderno e statutario, un maggiore comfort e un aumento della qualità percepita, capitalizzando nel contempo sulla sua offerta 4×4 che è molto differenziante su questo mercato.»

Nuovo Kadjar MY2019: le motorizzazioni

Motori più efficienti e più performanti

Nuovo Kadjar adotta le nuove generazioni di motori Renault. Entrambe le alimentazioni, benzina e Diesel, integrano le ultime tecnologie di riduzione dei gas di scarico per rispettare le norme vigenti. Puntano anche al piacere di guida e alla performance, migliorando i consumi.

Benzina: Un 1.3 TCe FAP ultramoderno

Nuovo Kadjar adotta il motore 1.3 TCe, inaugurato su Scénic ed introdotto successivamente su Mégane e Captur. Questo gruppo propulsore, sviluppato dall’Alleanza in collaborazione con Daimler, si attesta sui migliori livelli per performance e piacevolezza di guida. La sua architettura a 4 cilindri è garanzia di un funzionamento morbido e privo di vibrazioni, mentre la coppia generosa offre grande spunto al veicolo a bassi regimi. Su Kadjar questo motore è dotato di filtro antiparticolato (FAP) il cui scopo è quello di eliminare i particolati dei gas di scarico catturandoli in una struttura microporosa alveolare che si rigenera automaticamente a intervalli regolari.

Questa motorizzazione denominata « TCe FAP » si articola in quattro offerte: TCe 140 FAP a cambio manuale, TCe 140 FAP a cambio EDC, TCe 160 FAP a cambio manuale e TCe 160 FAP a cambio EDC.

Diesel: più potenza, più piacere di guida, più rispetto per l’ambiente

Su Nuovo Kadjar saranno disponibili motorizzazioni Diesel moderne e dotate di un sistema di riduzione catalitica selettiva (SCR), considerato come il più performante tra i sistemi post-trattamento degli ossidi di azoto (NOx). Questa tecnologia riduce le emissioni inquinanti dei motori, senza alcun impatto sulle loro performance. I motori, commercializzati come «Blue dCi», su Nuovo Kadjar guadagnano in termini di potenza e piacevolezza di guida.

Il Blue dCi 115 vanta ben 5cv e 10 Nm di coppia in più rispetto al motore della generazione precedente, associando risparmio e fluidità di funzionamento, ma non dimentica le performance. La funzione Overboost gli offre un supplemento di 5cv e 25 Nm in più a richiesta, per esempio per facilitare e rendere più sicuri i sorpassi. Disponibile con cambio manuale, questo motore verrà successivamente proposto con cambio automatico a doppia frizione EDC.

Il Blue dCi 150 è la motorizzazione di spicco di Nuovo Kadjar. Con una potenza aumentata di 20cv rispetto al modello precedente, offre performance di primo piano. Dotato di cambio manuale, sarà proposto con trasmissione 4×2 e 4×4.

Affidabilità testata e approvata  

La sostenibilità degli organi meccanici è al centro delle preoccupazioni di Renault. ll nuovo motore benzina 1.3 TCe è stato pertanto sottoposto a oltre 40.000 ore di collaudi sui banchi di prova, ovvero all’equivalente di 14 anni di funzionamento otto ore al giorno!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *